home  
TESTI di RAP 'N 'ROLL
  AUMENTACI LE DOSI
(testo di J-Ax,musica di THG,arrangiamento Guido Style)

Non sentiamo più le canzoni idiote e siamo assuefatti
inculcateci il rispetto per le autorità (Aumentaci le dosi)
Non sentiamo più (Aumentaci le dosi)
Non sentiamo più (Aumentaci le dosi)
Non sentiamo più (Aumentaci le dosi)

Non sento il limite dei decibel della Moratti
non sento il tempo lo leggo da come poga la folla
non sento più il rum e sta jolla
solo sto "pumpumtakatapum" nelle cervella
non sento più di gente che guarda i reality
non sento di cene di lusso tra discografici
non sento i dolori Bossi Berlusca Veltroni
non sento i sapori ne l'ago dei tatuatori
mi sento occupato da forze nemiche
ti faccio un esempio: loro Pechino io Tibet
non sento notizie ma solo cronache e fighe
non sento sta base però la spacco di rime

Non sentiamo più le canzoni idiote e siamo assuefatti
inculcateci il rispetto per le autorità (Aumentaci le dosi)

Non sento attrazione per la ragazza semi nuda
in televisione, prende una torta in faccia muta
poi ride alla battuta fatta da un vecchio che fa il figo
non sento l'umorismo ma vedo bene la libido
vedo la regia che zoomma sulle mutandine
mamma non si indigna, è in prima fila che ride
non sento compassione, quindi penso che le piace
non sento femministe perchè il femminismo tace
non mi sorprende niente in questo sesso nip and tuck
i trans sembrano donne e le donne sembrano trans
e non sento più parlare di mucca pazza e di aviaria
sento che han migliorato il botulino ed il viagra
periodo di magra da quando mamma era incinta
spaccio frasi dopate che non mi sento più la lingua
che pure se spegni t'arriva il frastuono
non senti radiazioni del wifi, ma ci sono.

Non sentiamo più le canzoni idiote e siamo assuefatti
inculcateci il rispetto delle autorità (Aumentaci le dosi)
non ci fate più paura (Aumentaci le dosi)
non vi diamo più fiducia (Aumentaci le dosi)
degli zuccheri che usate per tenerci buoni
e se ci vuoi buoni (Aumentaci le dosi)

Non sento se mi stendo una di ste fighe finte
non siente perchè prima di me è passato l'Inter.
Non giudico chi usa il sesso come scorciatoia
quale scorciatoia è sbattersi un vecchietto, porcatroia.
Non sento tante voci italiane nel mio vicinato
ma non sento diffidenze più forti che per lo stato
che non sente differenze tra accusato e condannato
come io non sento differenze tra fresco e surgelato
ascolto di tutto, non sento più un cazzo

o sono assuefatto o è il pusher che ci fa il pacco
non parlo di droga parlo dei pusher seri
hai notato ultimamente panico negli occhi dei banchieri eh?
adesso non sento di un investimento sicuro
adesso si è il momento di vestirsi Guru
dovrei avere paura ma sono assufatto anche alle psicosi
non sento niente, aumentami le dosi

Non sentiamo più le canzoni idiote e siamo assuefatti
inculcateci il rispetto delle autorità (Aumentaci le dosi)
non ci fate più paura (Aumentaci le dosi)
non vi diamo più fiducia (Aumentaci le dosi)
degli zuccheri che usate per tenerci buoni
e se ci vuoi buoni (Aumentaci le dosi)

 

I VECCHIETTI FANNO O
(testo di J-Ax,musica di Black Box,arrangiamento Guido Style)

Viaggia con J-Ax
J-Ax, bisogna muoversi è gia il 2009, giusto in tempo...sai che ridere se
sai che ridere se se...

Sai che ridere se la mia generazione
arriverà all'età della pensione
nessuno si lamenterà più del volume
persino fare rap sarà la tradizione e
nelle balere metteremo i deejay
l'orchesta Casadei suonerà i Green Day
io lo so già lo so già lo so già so già che
che i nipoti non ci faranno fessi
e poi ti diverti con ciò che gli sequestri
io lo so già.
Avremo il guardaroba con ancora ciò che va di moda ora
la tinta bionda e minigonna, gli occhiali a mosca catena e canotta
in gruppi da 30 com'era una volta
andremo in Olanda col pullman della parrocchia
ma tu li vedi J-Ax e colleghi
a farvi pogare ma con il treppiedi?
li vedi dimmi li vedi

E anche i vecchietti fanno o
anche i vecchietti fanno o, i vecchietti fanno o
e anche i vecchietti fanno o, i miei vecchietti fanno o
i vecchietti fanno o è la mia classe di ferro
ed i vecchietti fanno o
come si fà, come si fà, come si fà?
Ad invecchiare senza maturità
ci toccherà, ci toccherà
invecchiare senza maturità

Ultraviolenza in tele al pomeriggio
Texas Hold'em nelle sale bingo.
Saremo hacker dei nostri pc
campioni di bocce col Nintendo Wii
vetrina del salotto senza porcellana
ma con il bambolotto di Tony Montana
sai che ridere se la mia generazione
arriverà all'età della pensione
con i jeans, i tic e la depravazione
il silk epil e il PIL in depressione
che tra guerre fredde e un caldo che si muore
se c'arriviamo, sarà un sorpresone
con lampade UVA senza protezione
e ci curiamo con Google e non col dottore
ma sai quanti rave, sai quanti V-Day?
Noi nelle balere metteremo i deejay

E anche i vecchietti fanno o
anche i vecchietti fanno o, i vecchietti fanno o
e anche i vecchietti fanno o, i miei vecchietti fanno o
i vecchietti fanno o è la mia classe di ferro
ed i vecchietti fanno o
come si fà, come si fà, come si fà?
Ad invecchiare senza maturità
ci toccherà, ci toccherà
invecchiare senza maturità

Spero che se la mia generazione
arriverà all'età della pensione
non saremo finti moralisti col lifting
la mutua passerà i tatuaggi e i piercing
che invecchieremo nella pelle e non nella testa
e resteremo emo rock rap punkabbestia
non vedo l'ora di bloccare sto traffico
e guidare col cappello io già ce l'ho
sarò sordo e pomperò lo stereo ancora un po'
è la mia classe di ferro e i vecchietti fanno o

Anche i vecchietti fanno o, i vecchietti fanno o
e anche i vecchietti fanno o, i miei vecchietti fanno o
i vecchietti fanno o è la mia classe di ferro
ed i vecchietti fanno o
come si fà, come si fà, come si fà?
Ad invecchiare senza maturità
ci toccherà, ci toccherà
invecchiare senza maturità
come si fà, come si fà, come si fà?
Ad invecchiare senza maturità
Ci toccherà, ci toccherà, ci toccherà.

 

MI-RIFIUTO
(testo di J-Ax, musica di J-Ax e Guido Style,arrangiamento Guido Style, intervento campionato di Pino Scotto, scratches Dj Zak)

Intro: Ciao Pino, sei un venduto, rompi il cazzo con la musica commerciale e poi suoni insieme a J-Ax, sei uno schifo, Gregorio dal Billionaire

Fino a 14 anni avevo l'ora dì dottrina
poi la mia prof d'italiano era sessantottina
ho partecipato a una protesta che non so ricordare
come la seconda strofa del mio inno nazionale
i miei volevano vacanze in meridione
io sognavo le disco scappavo a Riccione
se qualche riccone s'è comprato lo stato
non mi sono scandalizzato già lo davo per scontato
quindi non chiedete se credo alla nazione
mentre pago il pizzo senza avere protezione.

Sarà che da bambino m'hanno rotto il muso
sarà che il primo amore m'ha fatto cornuto
so come ci si sente quando sei l'escluso
lo mi rifiuto.
Il mio peggior nemico è sempre un mantenuto
il mìo migliore amico è stato detenuto
siccome il mio pianeta se lo son venduto
lo mi rifiuto.
lo mi rifiuto.

Voglio una vita da spot tv
fin da bambino colazione col mulino, bianco come l'omino
così che ora voglio solo roba industriale
la gomma senza zucchero, con dentro l'aspartame.
Che bello mangiare come un dodicenne
che quando vai ai bagno, poi sciogli le piastrelle
ho un danno permanente, un fegato che prega
poteva andarmi peggio e diventare vegan
che costa sempre un botto mangiare roba buona
il prezzo più no global e solo da Mac Donald.

Sarà che da bambino m'hanno rotto il muso
sarà che il primo amore m'ha fatto cornuto
so come ci si sente quando sei l'escluso
lo mi rifiuto.
Il mio peggior nemico è sempre un mantenuto
il mìo migliore amico è stato detenuto
siccome il mio pianeta se lo son venduto
lo mi rifiuto.
lo mi rifiuto.

Pino Scotto: Bravo lì devi andare, al Billionaire, prima di parlare di persone come J-Ax sciacquati la bocca coglione, dovresti conoscerlo
Prima di parlare della gente impara a conoscerla stronzo
E vai al billionaire insieme a tutte quelle gnocche troie che poi non te la danno neanche se non paghi coglione, fanculo.

Non vedo l'ora che collassi questa economia
cosi vediamo cosa resta dell'Ideologia.
Per esempio qui le droghe sono sempre aumentate
ma nessuno da la colpa alle politiche sbagliate
e miss Italia festeggia con la sangria
l'Europa vota a destra ma per strada c'è l'anarchia
non sono gli immigrati come dicono i giornali
la colpa e' di chi guida e non dei passeggeri
io sono pattumiera vieni qui a raccogliermi
io sfotto la bandiera vieni qui e costringimi
ma la censura in questo caso non funziona più
e il capo tira su col naso su Youtube.

Sarà che da bambino m'hanno rotto il muso
sarà che il primo amore m'ha fatto cornuto
so come ci si sente quando sei l'escluso
lo mi rifiuto.
Il mio peggior nemico è sempre un mantenuto
il mìo migliore amico è stato detenuto
siccome il mio pianeta se lo son venduto
lo mi rifiuto.
lo mi rifiuto.

Pino Scotto: Fanculo.

 

IO NON TE LO DO
(testo di J-Ax, musica di Guido Style e J-Ax, arrangiamento Guido Style)

J-Ax, 2009, Io...

Io non te lo do
Io non te lo do

La ragazza mi guarda la terza tasca
lo non te lo do,
come una gara a chi fa più la vacca
lo non te lo do.
da quando ho la ragazza fissa ogni ragazza mi fissa.
Perche muovi il culo qua vicino a me?
che qui sono il solo che non ti crede Beyonce
anche se studi il video non balli come lei
e sei di Bollate zia, non di LA.
So che tipo sei, con me è tempo perso
strusciati al deejay che ti mette su un pezzo
ti offri in giro come una Marlboro light
non puoi fare la candida se la candida ce l'hai
non vado in disco per trovare la tipa
grazie a dio la mia battaglia è finita
zia, per chi mi baccaglia e finita
mia moglie è la più bella mai esistita
la tua malia su di me sì è esaurita.
lo non te lo do.

Sono diverso dagli uomini la fuori.
lo non te lo do.
Perche ho scoperto le tue armi migliori
lo non te lo do.
Adesso lo mantengo quello che prometto.
lo non te lo do.
Adesso.
lo non te lo do,
Adesso.
lo non te lo do.

Adesso so cos'è una vera donna, la mia è una bomba sexy
che ogni giorno mi bomba.
Tu hai la faccia da tipica stronza, che il tipo la gonfia e poi la riempie di corna.
Tu hai la faccia da quella che prima
era anche carina
che da ragazzina ci si innamora
con noi facevi la suora
col fidanzato trentenne fuori da scuola
ora ti vanno dietro solo gli ubriachi
e sei bellissima per tutti sti impizzati
fanno discorsi sexy perversi ma troppi destri
tra le gambe hanno un dixi
e quanto è brutta la mia vita con la tipa
lo dice lui che ha solo un palmo e 5 dita.

Sono diverso dagli uomini la fuori.
lo non te lo do.
Perche ho scoperto le tue armi migliori
lo non te lo do.
Adesso lo mantengo quello che prometto.
lo non te lo do.
Adesso.
lo non te lo do,
Adesso.
lo non te lo do.

La tua malìa su dì me sì è esaurita.
lo non te lo do.
Per quanto sei bella sei un cesso a vita.
lo non te lo do.
La ragazza mi guarda la terza tasca
lo non te lo do.
come una gara a chi fa più la vacca
lo non te lo do.
se Paris Hilton insegna, la provincia impara
e l'anello che ho al dito non basta
da quando ho la ragazza fissa ogni ragazza mi fissa ma
io non te lo do.
Se mendico non mi dimentico, mi vendico.
lo non te lo do.

Sono diverso dagli uomini la fuori.
lo non te lo do.
Perche ho scoperto le tue armi migliori
lo non te lo do.
Adesso lo mantengo quello che prometto.
lo non te lo do.
Adesso.
lo non te lo do,
Adesso.
lo non te lo do.

 

RAP N’ ROLL
(testo di J-Ax e Guè Pequeno,musica di Fabio B.,arrangiamento di Guido Style)

Oggi ho la luna storta (...e mi piace)
e sono ancora in botta Uè mi piace)
sta vita brucia in fretta (...e mi piace)
è Rap n' Roll (...e mi piace)

AX: Uè, non chiedete cos'è questo suono ai giornalisti,
è come chiedere a un prete come si fanno i figli.
Chiedete agli sconfìtti dell'era De Filippi
Dov'è l'antipodo ai Tronisti
chi e' antidoto al cronisti
tra me e Cristicchi sai che differenza c'è'
una e' che Biagio Antonacci vorrebbe essere me
senza la paranoia di sembrare innamorato
dover per forza essere bello ed intonato
senza la presenza di Renga la voce che tenga
nascere alla rovescia, non e' stata una scelta
ci ispiriamo con l'ombra non Ambra
ma e' una vita stupenda e si fotta la maggioranza
a loro piace sempre il ritornello che fa (tuturutututururu)
il ballo dello schiavo col tamburello che fa (tuturutututururu)
e non l'ho fatto per Luana la grana o la fama
ma per trovare l'uscita
non per salire la scala
la sola resistenza di cui sono capace
è solo Rap n' Roll, e mi piace.

Liberarmi dal panico, fino ad adesso m'è costato ogni attimo.
Lo faccio nel modo che non si può.
E' Rap n Roll (...e mi piace)
Liberarmi dal panico (Rap n' Roll)
fuori dagli stereotipi (Rap n' Roll)
liberarmi dal ruolo assegnatomi. (..e mi piace)

GUE': Sputo dramma e vita grama sopra il pentagramma
sta musica Italiana e' come un pusher che ti sgramma
la mia lingua e' una lama, la mia voce e' una fiamma
per questo la plaza mi ama, per questo Ax mi chiama
dammi il tuo portafoglio e tieniti il tuo disco d'oro
che mi faccio una serata finche non finisco al suolo
sfascio il microfono, l'albergo e vado via col botto
ricordati che a mali estremi... io me ne fotto
non faccio il sociale se poi penso alle bustarelle
con gli occhialini da intellettuale tipo Baustelle
o il militante che negli occhi ha l'ambizione
e' più sincera la distruzione anzi l'autodistruzione
alzo il volume come un rito voodoo...(tuturutututururu)
la mattina dopo in piedi colazione col rhum... (tuturututututuru)
io non lo faccio soltanto per la grana e la gloria
ma urlare la vita e' una troia, cambiare un po' la storia
mamma lo so che non sono come volevi e mi spiace
è solo Rap n' Roll, e mi piace.

Liberarmi dal panico, fino ad adesso m'è costato ogni attimo.
Lo faccio nel modo che non si può.
E' Rap n Roll (...e mi piace)
Liberarmi dal panico (Rap n' Roll)
fuori dagli stereotipi (Rap n' Roll)
liberarmi dal ruolo assegnatemi. (..e mi piace)

Oggi ho la luna storta (...e mi piace)
e sono ancora in botta Uè mi piace)
sta vita brucia in fretta (...e mi piace)
è Rap n' Roll (...e mi piace)

 

IN MEZZO
(testo di J-Ax,musica di Giacomo Godi,arrangiamento Guido Style)

Per le dannate notti milanesi zio, che ormai sono uguali in tutti i paesi, in tutto il paese. Così:

Io non c'avevo voglia, mi sono alzato presto
m'hai martellato il cellulare ok va bene esco
però tu l'hai promesso che non parte l'ingesso
va bene sono un vecchio, ma tu me l'hai promesso.
Invece sull'ingresso fai già la battutina
è un "pezzo" che non ci vedevamo
ho già un cuba libre in mano
e se non bevo t'offendi se bevo mi stendi
e dici che poi c'hai l'amaro, quello che ti riprendi.

Regolare mai ma che amico sei
se mi tiri in mezzo e mi tiri in mezzo
e si che lo sai quanto rischierei
ma mi tiri in mezzo sono sempre in mezzo
non lo faccio mai solo quando sto con te
però tu sai frenare io mi lascio perdere.

Dopo l'aperitivo tutti su a telefonare
e quando arriva il primo zero voglia di mangiare
sono sere come questa a farmi domandare
se m'ha salvato la mia scarsa voglia di lavorare
puoi tritare la noia nel naso
ma anche la droga diventa un lavoro sei obbligato
asciugato ad ascoltare un impizzato abbaiare
hanno tutti un libro un disco un film da girare
ma il giorno dopo stanno male è sonno vegetale
l'occasione della vita chiama hanno spento il cellulare
e sta città è una palla, gira e non cambia
ci vuole quel qualcosa per tenrsi a galla.

Regolare mai ma che amico sei
se mi tiri in mezzo e mi tiri in mezzo
e si che lo sai quanto rischierei
ma mi tiri in mezzo sono sempre in mezzo
non lo faccio mai solo quando sto con te
però tu sai frenare io mi lascio perdere.

Se ci penso o una scossa nella spina dorsale
guarda cosa ho fatto, ho tirato su un casino totale.
Fino a perdere lei, fino a perdere i denti
fino ad andare a puttane in tutti e due i sensi
ho paura del letto, di quando ti addormenti
di quando parlano i mostri dentro i nostri cervelli
quindi stiamo svegli.
Senti raccontati quello che vuoi, doveva essere un viaggio
è diventato un vizio
di pure che tu fai quello che vuoi, ma è diventato un fine
ed era solo un inizio
quindi esco perchè non riesco
a vedermi a 50 anni fatto in disco con le escort.
Però guarda che gnocca, sto un pò...
passa la vodka
e il mio demone ripete per la millesima volta.

Regolare mai ma che amico sei
se mi tiri in mezzo e mi tiri in mezzo
e si che lo sai quanto rischierei
ma mi tiri in mezzo sono sempre in mezzo
non lo faccio mai solo quando sto con te
però tu sai frenare io mi lascio perdere.

 

FREEDRINK
(testo di J-Ax e Space One,musica di Guido Style,arrangiamento di Guido Style)

AX:
Nel privè non mi rimbalzano
appena entro mi danno il microfono
nel privè non mi rimbalzano
ho conosciuto quelli che contano
la bottiglia mi offrono circondati da tipe che costano
che mi parlano sul collo e mi sputano
e tutta notte stringo mani che sudano
e la pista non guarda la cubista, sul divanetto siede l'artista
sul divanetto al vita è una corsa, sul divanetto ti fanno la borsa
ma il barista è un mio fan sfegatato e il mio secchio di birra è arrivato
ed il barista è un mio fan sfegatato nel tuo cristal ci avrà sputato

Tutti vogliono il mio freedrink, gli sceicchi e i politici
che di euro sono carichi ma tutti vogliono il mio free drink
tutti i grandi della tv, le modelle con l'erpes b
tutti vogliono il mio free drink però non sanno che
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu

Spazio:
Selezione all'ingresso selezione anche al cesso
soluzione del fesso depresso piangendo domanda permesso
arriva la diva che non fa fila perchè è tutta nuda su Eva Tremila
va nel privè gente al Top che si sballa
va nel provè la Top che si imballa
pugni in faccia dal cocktail che picchia
luci in faccia in mezzo alla pista
e alla luce dei fatti zio, i fatti alla luce sono strafatti
c'è anche il bello di Uomini e Donne
ma preferisce il dildo alle minigonne
lui, mini-dote lei, Mini nera
lei, minigonna
lui, Lele Mora che ancora lo implora

Tutti vogliono il mio freedrink, gli sceicchi e i politici
che di euro sono carichi ma tutti vogliono il mio free drink
tutti i grandi della tv, le modelle con l'erpes b
tutti vogliono il mio free drink però non sanno che
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu

alla luce dei fatti i fatti alla luce sono strafatti
a conti fatti senza quelli dfatti di fatto fai meno incassi
come olio per i motori, così girano i soldi neri
per le nocche del buttafuori
poi la notte uccide i pensieri
sul divanetto siede l'artista
ruba il posto a uno che era in lista
sul divanetto con la cubista
ma poi va in bagno con la barista
e dal bagno esce con la siga, diavolo in questa discoinferno
prima fare al cesso la fila
e dalle 3 fare il filo a un cesso.

Tutti vogliono il mio freedrink, gli sceicchi e i politici
che di euro sono carichi ma tutti vogliono il mio free drink
tutti i grandi della tv, le modelle con l'erpes b
tutti vogliono il mio free drink però non sanno che
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu
quando lo butti giù devi tenerlo giù
è questione di fegato avere lo stomaco che non hai tu

 

3 PAPERELLE
(testo di J-Ax, musica di J-Ax,arrangiamento Guido Style,duetto con Irene Viboras)

Com'eri bella
com'eri bella
com'eri bella
com'eri bella
Milano rock city
C'era sta tipa abitava in Brianza
guardava Sex and the city e si credeva Samantha
ma in paese le mamme hanno santini e croci appese
e il prete non permette minigonne nelle chiese
lei si cambia in auto cambia città
se la vede papà che male le fa'
ma l'autostrada è il tappeto rosso che la porta dritto
in bagno al bar
un amica trasferita all'università
e mdma l'hanno convinta a fare l'ammucchiata
appena ripresa piangeva mentre correva a casa
quelli dell'ambulanza l'han raccolta con la pala

3 paperelle vanno in città
qua
truccate e belle fanno qua qua
qua
qui c'è il maiale che se le farà
au
e lì c'è il cane che le morderà
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
eri bellissima
bau bau
com'eri bella com'eri bella
bau bau
com'eri bella qualche anno fa
au.

C'era sta tipa in porta ticinese
una punk rocker andava a chetamina e ceres
veniva dal pavese
mi chiese se quello che me la vende
mi tratta bene, zia.... cambia storia cambia città
é roba che va' fatta fare a chi ne sa'
mi diceva ho un amico sicuro
il suo amico e' un perfetto nessuno
infatti ha disturbato i calabresi
e gli hanno rotto i piedi
arrivi bella fresca e che credi
che qui giochiamo noi qui cresciamo
non lo scegliamo nono
Milano

3 paperelle vanno in città
qua
truccate e belle fanno qua qua
qua
qui c'è il maiale che se le farà
au
e lì c'è il cane che le morderà
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
eri bellissima
bau bau
com'eri bella com'eri bella
bau bau
com'eri bella qualche anno fa
au.

C'era sta tipa veniva dal nord est e
i primi tempi andava a letto alle sette
chiamava a casa dal call renter
ora stringe le tette sotto mezze magliette strette
cambia guerra cambia città
suo figlio si confonde ha troppi papà
a casa sua si prendeva una televisione
raccontava di un paese allegro e caciarone
poi é venuta qui e ha visto la bugia
la perversione che c'è dietro sta scenografia
la sottile linea sporca tra marca e marchetta
di un paese che di notte la cerca e di giorno l'arresta
una sbornia di vodka le ricorda la Bosnia
abbiamo l'Hollywood ma non la California
e questo è un film con produttore pappone
uguale come in paullese col bidone

3 paperelle vanno in città
qua
truccate e belle fanno qua qua
qua
qui c'è il maiale che se le farà
au
e lì c'è il cane che le morderà
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
com'eri bella
bau bau
eri bellissima
bau bau
com'eri bella com'eri bella
bau bau
com'eri bella qualche anno fa
bau.

 

COME IO COMANDA
(testo di J-Ax, musica di DonJoe, arrangiamento Guido Style)

E' un disturbo che comincia quando sei bambino
anche se sei un mostro dicono che carino
poi vai a scuola e capisci cosa fà figo
puoi diventare vecchio e brutto
se sei ricco sei un tipo
avrei dovuto ascoltare i vostri consigli non prendere così
sul serio sti dischi da scazzo
senza l'incasso di x factor
investire nella Apple non nel popolo di Seattle
papà mi chiese in nazionale cantanti non giochi?
no papi sono positivo al doping
come faccio a scendere con gli altri a fare una partita
la passione del pallone non l'ho mai capìta
e' una vita che do paranoie ai miei
tele o computer vivevo dentro al display
per me zero licei o atenei come tutti
ho scelto la scuola più vicina a casa e sono uscito con il 36
con la testa nei deejay corrotto da rap e rock
e mi parlavano di posto fisso e di bot
invece il loro sistema sta per crollare sono
più stabile io che la banca centrale con

La mia cadenza la mia indolenza la mia strana barba
i miei difetti di pronuncia la mia fame in pancia
è come il mare quando è in tempesta e non ho remi in barca
é come un rosso in banca
ma é come io comanda
la mia ragazza è una principessa come io comanda
e come la piazza che mi rispetta come io comanda
è come una testa che và di fretta che non aspetta quest'italietta come se fosse Dio che mi manda.

So come bigiare, come copiare, come stare a galla
non so lavorare, come votare come papi e mamma
figlio degli anni 80, tra marche e Marcos non c'è gara
cresciuto con il ce Cecchetto non Guevara
cosi siedo coi qualunquisti ci si pulisce il culo con gli alberi tutti
anche gli ecologisti
volevo fare il chitarrista e mi mancava il tocco
volevo fare il comunista ma costava troppo
la verità si dice mille Michael Moore
ma in questa matrice scelgono tutti le pillole blu
e solo loro hanno paura noi lo sapevamo
guardate come vive ora un alieno italiano con

La mia cadenza la mia indolenza la mia strana barba
i miei difetti di pronuncia la mia fame in pancia
è come il mare quando è in tempesta e non ho remi in barca
é come un rosso in banca
ma é come io comanda
la mia ragazza è una principessa come io comanda
e come la piazza che mi rispetta come io comanda
è come una testa che và di fretta che non aspetta quest'italietta come se fosse Dio che mi manda.

Come Dio che mi manda
nella terra della tarantella e di Mogol e Bella
non è come io comanda
mai avuto la sbattella di essere una stella
stare su novella o sulla smemoranda
sai qui il milanese da Sardegna non si vede mai
la superfiga se ne fotte della macchina che hai
le nostre donne a un nababbo babbo non la danno
mia moglie non si è mai fatta uno che gioca a calcio
non aspiro a diventare Celentano non sono buono
un portavoce all'onu? no, non sono Bono
con questa roba alfabetizzo più di un omnicomprensìvo
dopo i promessi sposi studia come vivo
la mia bandana, la mia strada, la mia libertà
ho fatto l'ultima botta e tutta la fresca che ho buttato al bar
la mia vittoria, la mia sconfitta, la mia gente è qua
Giuliano Palma mente è tutta mia la città con

La mia cadenza la mia indolenza la mia strana barba
i miei difetti di pronuncia la mia fame in pancia
è come il mare quando è in tempesta e non ho remi in barca
é come un rosso in banca
ma é come io comanda
la mia ragazza è una principessa come lo comanda
e come la piazza che mi rispetta come lo comanda
è come una testa che và di fretta che non aspetta quest'italietta come se fosse Dio che mi manda.

 

SIGNORA
(testo di J-Ax, musica di Fausto Cogliati, arrangiamento Guido Style)

La signora con le borse della spesa pensa in lira
e si confessa con il panettiere
conta i centesimi blocca la fila
dietro di me un uomo sbuffa e batte il piede
la cuffia mi separa
da tutto quello che dice
tolgo volume al film metto canzoni amiche
che le so
le storie dei nipote che non vede mai
che sarà tardi quando capirà e capirai...
ci vorrebbe la guerra e anche un po' di miseria
ad insegnarci a non sprecare i giorni
non ho visto la guerra però anch'io vivo all'erta
e capisco più di quanto sembri

E m'accorgo
dello sguardo abituato a guardar giù
mi ricorda il suo dialetto
che nessuna parla piu
ed il giallo dura poco
terrorizza chi ha il bastone
e nervoso il mondo suona il clacson
signora si muove.

La signora con la borse della spesa ha paura
onestamente dico che ha ragione
se offro una mano per portarle a casa
proprio come farebbe un truffatore
ci vorrebbe la guerra e anche un pò di miseria
ad insegnarci a non sprecare i giorni
ma capisco più di quanto sembri

E m'accorgo
dello sguardo abituato a guardar giù
mi ricorda il suo dialetto
che nessuna parla piu
ed il giallo dura poco
terrorizza chi ha il bastone
e nervoso il mondo suona il clacson
signora si muove.

Se puoi fidati di me riconosco il tuo profumo mi ricorda
quando ero nuovo e nonno mi spiegava il mondo
dimmi la tua storia,
dimmi che si ride un pò.

La signora con le borse della spesa non si fida
e non imparerà il computer
per non conoscere fin dove arriva questo disordine
lei tiene le scarpe pulite
forse un regalo del figlio qualche natale fa
quando le indossa lo sente vicino
ci vorrebbe la guerra e anche un pò di miseria
ad insegnarci a non sprecare i giorni
non ho visto la guerra però anch'io viva all'erta
e capisco più di quanto sembri...

Se puoi fidati di me
riconosco il tuo profumo mi ricorda
quando ero nuovo e nonno mi spiegava il mondo
dimmi la tua storia dimmi la tua storia
dimmi che si ride almeno un pò.